Pagina:Una sfida al Polo.djvu/260

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
254 capitolo xx.

gono i fuochi si getteranno su di noi e ci faranno a pezzi a colpi di corna.

Chi vi assicura che non abbiano approfittato della nebbia per avvicinarsi? M’è anzi parso di aver udito a brevissima distanza un muggito.

— Che sia stato uno di loro a produrre il guasto con qualche cornata? — si chiese il signor di Montcalm con ansietà.

— Può darsi, signore, — rispose Dik, — anzi io lo credo.

— Che cosa fare ora? — chiese Walter.

— Non ci rimane che aspettare l’alba, — rispose il canadese.

— E ci lasceranno quei dannati animali riparare il guasto?

— Questo è un vero punto interrogativo, mio caro Walter. Speriamo che durante la notte se ne vadano.

— Corpo di tutti i fulmini di Giove!... — gridò lo studente furioso. — Guastarsi la macchina proprio ora, mentre con questo nebbione avremmo potuto passare improvvisamente su di loro e scappare a tutta velocità!... Che il Polo cominci a congiurare contro di noi? Eppure finora si era mostrato benigno!

— Forse il guasto è meno grave di quello che Dik suppone, — disse il canadese. — Ne succedono sempre ai motori delle automobili, e noi possediamo una piccola officina fornita d’ogni istrumento necessario per una riparazione di qualsiasi genere.

Giacchè non possiamo fare nulla per ora, lasciamo che i buoi si godano i soffi della nebbia e noi cacciamoci sotto le coperte.

— Non sarebbe prudente montare la guardia, signor Gastone? — chiese lo studente.

— Lo ritengo affatto inutile. Con questa oscurità i buoi non oseranno assalirci, nè d’altronde credo che siano stati essi a danneggiare la nostra macchina.