Pagina:Una sfida al Polo.djvu/270

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
264 capitolo xx.

nanzi, ed il radiatore, l’anima della nostra macchina, andava a pezzi.

— Signor Gastone, quello che mi narrate è molto grave.

— Non dico di no, — rispose il canadese, il quale appariva assai preoccupato.

— Sicchè voi dubitereste di Dik?

— Non potrei affermarlo, tuttavia....

— Ed a quale scopo il baleniere avrebbe tentato di arrestarci?

— Chi lo sa? Vi potrebbe essere sotto la mano di Torpon.

— Signor Gastone, quel guasto non potrebbe essere stato prodotto da qualche scossa o da una cornata di qualche bue muschiato?

— Non è possibile.

— Corpo di tutti i fulmini di Giove!... Che la faccia di quel Dik non mi rassicuri pienamente, non ve lo nego, tuttavia non lo crederei capace di compiere una simile infamia.

— Potrò essermi ingannato, Walter, però vi consiglio di aprire anche voi ben bene gli occhi.

È facile guastare un automobile, e se ciò accadesse non dovremmo più pensare a conquistare il Polo.

— Aprire gli occhi!... Non lascerò un solo momento, da questo istante, il baleniere, e se lo sorprendo, giuro su tutti i fulmini di Giove di fracassargli il cranio con una rivoltellata.

Ed ora signor Gastone, prepariamoci la cena. —