Pagina:Vasco - Della moneta, 1788.djvu/120

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
116

lire effettive e gli scudi di sei lire giuste ec. vi sarà sempre il vantaggio di una rifabbricazione assai meno dispendiosa che non è quella delle monete di rame. In questa maniera parmi, che o vogliansi in una Nazione fabbricare monete nobili, o non se ne vogliano fabbricare, o vogliansi abbandonare le proprie monete nobili alla estimazione del commercio, o conservarle in proporzione colle monete di rame mediante le opportune rifusioni, sempre è meglio tenere per misura costante il rame (onde prendesi il primo elemento della moneta, cioè il denaro) che alcun’altra specie di metallo.


CAP. XX.

Alterazioni prodotte dalla corrosione delle Monete.


SI è parlato finora dei cambiamenti di valore cui sono sottoposte le monete d’oro relativamente a quelle d’argento e queste relativamente a quelle di rame. Non si è mai supposto che tra le monete del medesimo metallo fabbricate d’egual titolo potesse nascere sproporzione alcuna, nè che uno scudo potesse mai valere più o meno di sei lire effettive d’argento fabbricate nella maniera


espo-