Pagina:Verga - Dal tuo al mio.djvu/116

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 100 —


— Non ho potuto.... — Non vi ho giovato a nulla.... Non valgo nulla.... — rispose Nina umilmente, piegando il capo e celandosi il viso fra le mani.

— Cosa volevi fare, povera Nina? Ti pare che non lo sappia il piangere che hai fatto di nascosto?...

— Taci! taci! — interruppe lei tutta tremante.

— Ti pare che non lo sappia il bene che volevi a quell’altro?

Allora la povera Nina aprì il cuore alla sua Lisa, confidandole le sue pene segrete e il rimorso di non avergliele saputo nascondere...

— T’ho dato il cattivo esempio.... Perdonami! Dimmi che mi perdoni e che tu pure, tu pure.... non soffrirai come io ho sofferto. — Giacchè noi non possiamo amare, voleva dirle accennando col capo, poichè il