Pagina:Verga - Dal tuo al mio.djvu/120

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 104 —

tremava dalla collera — quella di Rametta sembrava invece il belato di un agnello in mano al beccaio.

— Sentite? sentite?

— Sì! sì! — esclamò Nina facendo per correre.

Don Rocco la fermò per un braccio:

— Non è niente, vi dico. Leticano fra di loro. Ciascuno difende il suo interesse, si sa.

E alzò la voce anche lui, riscaldandosi:

— Mettiamoci nei suoi panni. Gliel’ha dato il suo danaro, don Nunzio? Vorrei vedervi voi!

— Mai gliel’avesse dato! — rispose Lisa. — Fu quella la rovina.

— Questo e quello che si dice dopo, al momento di pagare. Prima invece son suppliche e benedizioni. Non dico che Rametta sia un santo da metterlo sull’altare, ma infine il