Pagina:Verga - Dal tuo al mio.djvu/126

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 110 —


Si voltò allora contro tutti quei curiosi che stavano all’uscio, mentre lì parlavasi di cose serie, e li sgridò:

— Che volete voi altri? Che aspettate? C’è l’opera di Pulcinella?

Sidoro corse anche lui, mentre ragazzi e zolfatai scappavano in branco. Il barone, nell’agonia di quei preparativi, vide anche i visi pallidi e disfatti delle sue figliuole, e disse loro:

— Voi altre che ci state a far qui?... Andate di là almeno voi, poverette!

— No, papà, lasciateci stare — rispose Nina.

— Lasciatele stare — aggiunse la zia Bianca. — È giusto che sentano anche loro.

Il notaio, col libraccio aperto davanti, aspettò discretamente che terminasse quella scenetta di famiglia, e poi tornò a mettersi gli occhiali e