Pagina:Verga - Dal tuo al mio.djvu/149

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 133 —


Ma Lisa s’era fatta bianca come un cencio, colle braccia stese e tremanti che dicevano sole: No! no!...

— Signor barone! — fece il notaio frapponendosi lui pure.

Don Rocco invece si cacciò le mani nei capelli, sbuffando.

— Santo e santissimo! Questo si chiama darsi colla zappa nei piedi!

— Briccone! Pezzo d’usuraio! Ladrone che siete! — vomitava intanto, con altri vituperi, donna Bianca addosso a Rametta. Costui girò intorno alla scrivania, sguisciò dietro alla gente, e prese l’uscio strillando:

— Signori miei!... Siatemi testimoni che voleva anche ammazzarmi!


*

Il barone, ancora fremente, lasciò ricader la seggiola, seguitando a minacciare: