Pagina:Verga - Dal tuo al mio.djvu/160

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 144 —

Chinò il capo, e gli disse come potè, colla voce ancora rotta dall’affanno e soffocata dalla vergogna:

— A don Nunzio ditegli che gli domando scusa.... Se vuol darmi ancora quell’impiego.... Ditegli che sono nelle sue mani....

— Sia lodato Iddio! — sospirò finalmente don Rocco levando le braccia al cielo. — Questo si chiama parlare.