Pagina:Verga - Dal tuo al mio.djvu/161

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search





III.


Com’era già sera, e il barone non tornava ancora dal paese, Nina usciva ogni momento a guardare nel sentiero. Non si vedeva anima viva, tutt’intorno. La campagna sembrava un deserto, e faceva paura, a quell’ora, colle voci che correvano.

Poichè Rametta, il quale aveva adesso il peso della zolfara sulle spalle, non voleva saperne di crescere le paghe, mentre gli zolfi andavano giù a rotta di collo, e perciò

Verga, Dal tuo al mio. 10