Pagina:Verga - Dal tuo al mio.djvu/175

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 159 —

tite? — Essa le chiuse la bocca colle mani tremanti.

— Tacete! tacete!

— Sì, che voglio dirla l’amara verità.... Povero padrone!... e anche voi che non vi lagnate mai!...

— Tu pure, sorella mia! Quanta amarezza devi averci in cuore!

— No! — riprese Lisa asciugandosi gli occhi nervosamente. — Non parlo per me.... Di me non mi importa.... Ma ecco a che siam giunti!... a mangiarci fra di noi proprio come i lupi!

Sidoro di risposta andò a prendere la cesta delle fave che era tutta la loro cena, e gliela mise sotto gli occhi a donna Lisa!

— Nella casa di vostro padre.... ecco come si sciala!

— No, no! — ripetè Nina scostandolo e asciugandosi gli occhi.