Pagina:Verga - Dal tuo al mio.djvu/206

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 190 —

viso, e lo smarrimento dell’ultima ora negli occhi sbarrati.

Suo marito la scostò per dir tutto il fatto suo a Rametta:

— Parlo con lui, che prima si è arricchito nella zolfara e ora ci viene a contare le storie.

— Voialtri contatela a lui la storia delle paghe — rispose don Nunzio indicando il barone. — È lui il padrone della zolfara.

— Per ora siete voi che la godete....

Il barone, esasperato, lo interruppe, senza però guardarlo in faccia:

— Vengono i capipopolo a dettar legge in casa mia!

— Rametta ci mangia vivi tutti quanti, vossignoria!

— Vengono a dettar legge se mi piace di farmi mangiare da chi mi pare!...