Pagina:Verga - Dal tuo al mio.djvu/25

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 9 —

Un matrimonione!... La gente lasciatela parlare. Verrà anche lo zio marchese?

— Sicuro — rispose il barone. — Perchè non dovrebbe venire?

— Quello che dico io! Certi fumi, al giorno d’oggi, bisogna lasciarli stare. Lui ha pure sposato una maestrina, perchè parlava col squinci e linci.... forestiera, per giunta!... Alla sua età! Vostra figlia ora è contenta?

— Se non fosse contenta lei....

— Lo so, lo so, don Mondo. Voi non siete di quelli che vorrebbero far bere l’asino per forza. La Nina poi è così ubbidiente, così giudiziosa!...

Don Raimondo strinse le labbra e le mani, commosso.

— Per forza, cugina mia! Come si fa, santo Dio! Quell’altro che non aveva niente.... Qui in casa.... lo sapete!