Pagina:Verga - Dal tuo al mio.djvu/64

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 48 —

notaio, guardando in giro. — Non siamo pronti?

— S’aspetta lo sposo, che aspetta il papà — rispose don Bastiano. Il cavaliere colse la barzelletta:

— Papà deve condurlo per mano, come i miei cari pargoletti?

— Che c’è da ridere? — esclamò allora don Rocco. — Perchè è un ragazzo sottomesso, ubbidiente?

— Sì, sì, — rispose il notaio cavando di nuovo l’orologio; — ma son quasi le dieci....

Il padrone di casa era sulle spine. Gl’invitati si guardavano in faccia. La marchesa, per mostrare come usa in società, rivolgeva la parola a questo e a quello, andando dall’uno all’altro e tirandosi dietro la coda come una regina.

— Non so che dire — scusavasi intanto il barone. — Proprio non so