Pagina:Verga - Dal tuo al mio.djvu/90

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 74 —

tratti antichi, quasi a prenderli per testimoni. Sua moglie stomacata, tappandosi il naso col fazzolettino profumato per non sentire il lezzo di simili porcherie:

— Io sono strabiliata! Che gente! che gentaglia, padre e figlio!... Diceva bene il canonico!...

Così s’accomiatò dalla sposa, non vedendo l’ora di andarsene.

— Cara cugina, mi congratulo, anzi, che l’avete scappata bella!

Il marito ripetè come un’eco:

— Certo, certo, l’abbiamo scappata bella!... — d’imparentare con tal razza di gente... voleva dire tutta la sua persona, dal naso arricciato pel puzzo che aveva lasciato in casa quella gente, alla codetta ritta della giubba che spazzava l’aria.

— Papa mio! Povero papà mio! Soltanto allora la sposa si mise a