Pagina:Verga - Don Candeloro e C., 1894.djvu/112

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
104 Don Candeloro e C.i

tuna, — se non fossero stati i buoni amici che vi si misero di mezzo. Tanto, dopo tanto tempo che stavano insieme, erano più di marito e moglie. No, lei non poteva starci senza Bibì. Fosse sorte, fosse malìa, la teneva legata ad un filo, come essa ne aveva tenuti tanti, uomini seri, ed uomini forti, che in mano sua sembravano delle marionette. E anche Bibì, a parte l’interesse, un cuor d’oro in fondo, che non si poteva dire lo facesse muovere l’interesse, ormai. Non tornò a servirla in ogni maniera e a procurarle le scritture egli stesso? in America, in Turchia, dove potè, giacchè al giorno d’oggi soltanto laggiù sanno conoscere ed apprezzare le celebrità. — Prova i vaglia postali che lei mandava, poco o molto, quanto poteva.



Un cuor d’oro. E allorchè la povera donna battè il bottone finale, e sbarcò a Genova senza un quattrino, bolsa e rifinita, chi trovò alla stazione, a braccia aperte? Chi si fece in quattro per scovarle qua e là mezza dozzina di ragazze promettenti, e insediarla maestra di ballo addirittura? Chi le prestò i