Pagina:Verga - Don Candeloro e C., 1894.djvu/113

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Il tramonto di Venere 105

mezzi, a un tanto al mese, per metter su “pensione d’artisti„ — una speculazione che sarebbe riuscita un affarone, se non ci si fosse messa di mezzo la Questura, che l’aveva particolarmente con Bibì?

E come ogni cosa andava di male in peggio, cogli anni e la disdetta, chi le prestò qualche ventina di lire, al bisogno, di tanto in tanto, quando si poteva? Dio mio, le ventine di lire bisogna sudare sangue e acqua a metterle insieme; e quando si diceva prestare, da lui a lei, era un modo di dire.

E al calar del sipario, infine, allorchè la povera Leda andò a finire dove finiscono gli artisti senza giudizio, chi andò a trovarla qualche volta all’ospedale, e portarle ancora dei soldi, se mai, per gli ultimi bisogni?

Bibì ne aveva avuto del giudizio, è vero, e un po’ di soldi aveva messo da parte, col risparmio e gli interessi modici, tanto da render servizio a qualche amico, se era solvibile, e da far la quieta vita, coi suoi comodi e la sua brava cuoca. Perciò quelle visite all’ospedale gli turbavano la digestione, gli facevano venire le lagrime agli occhi, e non era commedia, no, quando ne parlava poi cogli amici, al caffè.

— Bisogna vedere, miei cari! Una cosa che stringe