Pagina:Verga - Don Candeloro e C., 1894.djvu/132

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
124 Don Candeloro e C.i

aveva da perdere, e perciò era inquieto, e più Vito Scardo diventava un pezzo grosso, con quell’aria di dico e non dico di chi la sa lunga davvero. Tanto più che verso sera mutò il vento di nuovo: bande, fiaccolate, grida di viva che arrivavano sin lassù, e non si sapeva che credere e che pesci pigliare. Il venerdì fu peggio ancora. Giorno di lutto, in chiesa e fuori, le notizie che facevano a pugni fra di loro, dei curiosi che correvano in piazza per vedere se c’era ancora la bandiera al Municipio. La sera i reverendi accompagnavano il Cristo morto, quando all’improvviso corse la voce: — Correte! — Lassù, al Calvario! — Si vede la città in fiamme! — Figuratevi come restò la processione! Fra Mansueto, nel deporre il cero in sagrestia, gli tremavano le mani. Il guardiano non era tranquillo neppur lui. In refettorio non si mise neppur la tavola. Ciascuno, mogio mogio, era andato a rintanarsi nella sua cella, e aspettava come andava a finire. Verso mezzanotte, toc toc, fra Giobattista in punta di piedi andò a bussare all’uscio del Padre guardiano — Che è, che non è? — Gli altri religiosi, che avevano il suo peccato ciascuno, e la tremarella addosso, stavano ad origliare, e quando lo videro uscire, poi, dopo mez-