Pagina:Verga - Don Candeloro e C., 1894.djvu/140

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
132 Don Candeloro e C.i

— Gli svizzeri! — La cavalleria! — E chi non gli era bastato l’animo di piantar subito casa e paese, all’ultimo momento disse pure: — Meglio il danno che la pelle — e via: uomini, donne, bestie, quello che si poteva mettere in salvo insomma; le vecchie col rosario in mano.

Io non avevo nessuno al mondo, soltanto quei quattro sassi al sole, la casa, l’orto, lì proprio sulla strada, con tanti soldati che passavano — chi li diceva dei nostri — chi di quegli altri — ciascuno che voleva mangiarsi il mondo — certe facce! Cosa avreste fatto? Rimasi a guardia della mia casa, lì accanto, seduto sul muricciolo. — A svignarsela, poi, c’è sempre tempo — pensai. Intanto passa un’ora, ne passano due. I nostri avevano tirato dei cannoni sin lassù sulla collina, in mezzo alle vigne. Figuratevi il danno! A un tratto giunge uno a cavallo, tutto arrabbiato, che pareva volesse mangiarsi il mondo anche lui — uno di quelli che insegnano a farsi ammazzare agli altri — e si mette a gridare da lontano. Allora uomini, cannoni, muli, via a rompicollo dall’altra parte; povere vigne! Però stavolta quello del cavallo aveva pure la testa fasciata; segno che si picchiavano diggià, in qualche luogo. Però non si ve-