Pagina:Verga - Don Candeloro e C., 1894.djvu/233

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Fra le scene della vita 225


E la commedia di tutti i giorni, nella casa patrizia, sotto lo stesso tetto, alla stessa tavola, al cospetto dei figli e dei domestici, rappresentata per vent’anni, colla disinvoltura del gran mondo, tra il marito offeso e la moglie colpevole, se il triste segreto era realmente fra di loro. — La moglie di Cesare non deve essere neppure sospettata, — ed entrambi, legati alla medesima catena da un casato illustre, osservavano perfettamente il codice speciale della loro società. Nè il mondo ci aveva nulla da vedere. Forse qualche capello bianco di più sulle tempie delicate di lei; ma non un riguardo, nè un’attenzione di meno della cortesia implacabile del marito. Se la dama, moglie e madre onorata e insospettata sino al declinare della giovinezza, era caduta tutt’a un tratto, e caduta male, giacchè il pleonasmo è ammesso nel suo mondo, come una povera creatura delicata e fiera, avvezza soltanto a camminar a testa alta sui tappeti e che non sappia mettere le mani avanti, il marito la sorresse tosto con braccio fermo, perchè continuasse a portare degnamente il nome suo e quello dei figli. Certo è che essa non gridò nè pianse, nè fece piangere le anime caritatevoli sulla pietà del caso. — E anche il marito ebbe gran parte di merito nel tenere la cosa in