Pagina:Verga - Don Candeloro e C., 1894.djvu/58

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
50 Don Candeloro e C.i


Barbetti s’arrese infine, e tirò fuori dal soprabitino un rotolo legato con un nastro verde.

— Adesso? — rispose il signor Olinto. — Su due piedi? Che mi canzona, caro lei?... Un lavoro di polso come il suo!... Bisogna vedere.... bisogna studiare.... Intanto dò un’occhiata....

Colla schiena appoggiata alla sponda del biliardo e il mento nel bavero di pelliccia, andava sfogliando le pagine, aggrottato, e borbottava:

— Bene, bene!... Effetto scenico!... Bei pensieri!... Stile elevato!... In questa parte la mia signora.... Non le dico altro!...

— Con permesso! con permesso! — interruppe il cameriere del Casino, spingendosi avanti a gomitate. — Ecco qui don Angelino e il notaro Lello. Devo preparare il biliardo per la solita partita.

Il capocomico si cacciò la mazza sotto l’ascella, e raccattò gli scartafacci e i telegrammi sparsi sul panno verde.

— Va bene, va bene, ne riparleremo. Intanto bisogna far girare la pianta.

Fu il più difficile. I giuocatori di tressetti rispondevano picche, e brontolavano contro quel forestiere che portava la iettatura. Seduta stante si dovettero