Pagina:Verga - Don Candeloro e C., 1894.djvu/84

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
76 Don Candeloro e C.i


Barbetti esitò.

– Va bene, ci penserò io.... c’è tempo....

Una dozzina di persone pigiavansi nel camerino. E delle altre teste si ammonticchiavano all’uscio, degli altri visitatori sopraggiungevano: il direttore d’orchestra che veniva a congratularsi “del legittimo successo„, un compositore famoso per cercare dei complimenti da per tutto, col pretesto di farne agli altri:

– Ah, signora Celeste, non ci siete che voi!... il vostro metodo!... la vostra voce!... l’arte vostra!...

Per cinque minuti si parlò anche d’arte e di musica. Il giovanetto tartaglione, strozzato dall’emozione, balbettò qualche frase sconnessa, facendosi rosso, di una fiamma sincera d’entusiasmo che avvivava le sue guance e i suoi occhi giovanili, e faceva sorridere la commediante. La poetessa si fece avanti alla fine, bisbigliando a mezza voce:

– Mia cara.... Non ho saputo resistere.... Quali sensazioni deliziose!...

Il principe si era alzato per cederle il posto; ma essa preferiva drappeggiarsi nel suo mantello, per recitare con voce dimessa un madrigale pomposo. Barbetti che si era messo a sedere sul bracciolo