Pagina:Verga - Eros, 1884.djvu/165

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 161 —


E tacquero nuovamente.

Tutt’a un tratto Alberti le piantò gli occhi in viso e domandò:

— Perchè mi domanda della mia ballerina?

— Così... per parlare di qualche cosa...

Ei chiuse l’album, si alzò, andò a vedere l’ora che segnava l’orologio, e tornò a sedersi senza aprir bocca.

La contessa l’avea seguito collo sguardo, e s’era fatta pensierosa. Alla sua volta gli piantò gli occhi in faccia anche lei, e gli disse:

— Perchè le rincresce che le parli della sua ballerina?

— Non mi rincresce, rispose Alberti un po’ bruscamente.

— Ho bisogno di rammentarle i nostri patti? riprese l’Armandi dopo una lieve esitazione. Non siamo più amici come prima? Non ho più il diritto d’interessarmi a lei? di darle dei consigli all’occorrenza? Ella è giovane e pieno di cuore — troppo, forse. — Non le ho detto che quella ragazza le conviene, giacchè non è pericolosa per la sua immaginazione?

— Grazie.

Successe un altro lungo silenzio.

— M’ascolti, riprese infine la contessa mentre Alberti stava a capo chino. Le ho parlato sempre con tanta schiettezza, che non le ho lasciato nemmeno il diritto di essere ingiusto. Sa che non l’amo, e che non l’amerò giammai ma che le voglio un gran bene — in un altro modo — e che la sua amicizia mi è carissima. Però il