Pagina:Verga - Eros, 1884.djvu/224

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 220 —

il capo, mentre discorreva passava il guanto sulla criniera della sua cavalla; così com’era, col suo amazzone grigio, e nel suo grazioso atteggiamento, era assai leggiadra; la calèche era ovattata, riboccante di fiori, coi jockey ricamati e incipriati, immobili come statue, i cavalli irrequieti, dall’occhio e dal garretto teso. Una folla di curiosi s’era formata vicino a quel bel gruppo.

— Oh, chi vedo! esclamò tutt’a un tratto la signora Rigalli, non è il marchese Alberti quel laggiù, che ci arriva dall’India a cavallo del suo baio?

Adele si volse di soprassalto, e divenne bianca come la sua gorgierina di batista.

Alberti si avanzava al passo; il cavallo era impaziente, colle narici rosse, sbuffava, mordeva il freno bianco di schiuma, e lo scuoteva con bruschi movimenti; il cavaliere era calmo, serio, freddo, e avea la mano di ferro; volgeva gli occhi sulla folla sbadatamente, col sigaro in bocca, e avea l’occhio smorto, il pallore cadaverico, e l’impassibilità quasi tetra. Guardava quella festa come un defunto avrebbe potuto guardarla dalla tomba. Passando vicino alla calèche ci volse gli occhi a caso, la Rigalli lo chiamò col più grazioso sorriso, ed ei si trovò faccia a faccia con Adele; una fiamma rapida come un lampo passò per la prima volta dopo tanti anni su quelle pallide guance. Intanto la Rigalli diceva all’Adele:

— Mi permette che le presenti il marchese Alberti?

— Vuol presentarmi mio cugino? rispose Adele, che era ridivenuta calma e sorridente con un supremo sforzo di volontà e stese ad Alberto il pomo del frustino attraverso la calèche, come se gli stendesse la mano.