Pagina:Verga - Eros, 1884.djvu/288

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 284 —

piccola tavola accanto al letto c’era un mucchio di piccoli utensili d’argento e di cristallo che luccicavano; di contro al letto, colle spalle all’uscio, vedevasi una poltrona, e una testa interamente canuta che sorpassava la spalliera alla quale appoggiavasi. Tutte quelle cose stringevano il cuore.

L’inferma, vedendo quell’ombra nel vano dell’uscio, volse penosamente il capo, trasalì, e fece un languido movimento per stendere la mano, atteggiando le labbra ad un pallido sorriso.

— Grazie! mormorò con voce che a lui mise il brivido nelle vene.

— Come stai?....

— Lo vedi.

Ei volse gli occhi su quella tovaglia bianca, come se non l’avesse ancor vista, e la guardò a lungo in tal modo che Adele premette tacitamente la mano che teneva nella sua.

Il medico s’era alzato. — Il buon dottore! disse Adele. Alberto gli strinse la mano con forza.

— È la seconda volta che mi vede in questa camera! gli disse con un singolare sorrise. Si rammenta?

— Molto tempo addietro però!

— Sì, molto tempo!

E stette guardando Adele, immobile e bianca nel suo bianco letto. Di quando in quando faceva scorrere uno sguardo stralunato sulla coperta, quasi cercandovi il corpo di lei che vi si smarriva, e le stringeva convul-