Pagina:Verga - Una peccatrice.djvu/153

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 155 —

fosse, non conoscevo che un giovane come se ne veggono tanti, inferiore fors’anche a quei giovani eleganti che mi facevano la corte. Anch’esso mi faceva la corte alla sua maniera, come la fanno i provinciali e gli adolescenti... Guardai qualche volta costui che incontravo sempre sui miei passi in istrada, sulla porta del Teatro, uscendo e rientrando in casa... Qualche volta, quando paragonavo il suo stato a quello di coloro che mi amavano come lui ma che potevano dirmelo o almeno provarmelo, aspirare almeno ad un mio sorriso, ad una mia parola... mentre costui doveva sacrificarsi giorni e notti intieri per vedermi scendere da carrozza o per passarmi d’accanto al ritorno da un ballo, ebbi un momento di curiosità, ed anche di riconoscenza sì lontana da sfumare nella compassione, per questo giovane che mi amava in tal modo, e mi amava senza speranza... Poi non ci pensai più...

— Poco tempo fa lo rividi in una festa — riprese la contessa — era l’uomo in voga; l’alta società avea per lui le più squisite cortesie, le donne più belle