Pagina:Verga - Una peccatrice.djvu/152

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 154 —


— Le vostre parole me lo danno; io ho commesso l’indegnità d’insultarvi rimandandovi il mazzo e l’anello, e poco fa anche il biglietto...

— Avete avuto torto nell’ultimo caso, non l’avevate nel primo...

— Perchè?

— Perchè nel primo caso quello che a voi pare colpa, mi provava piuttosto...

— Narcisa!...

— Che voi...

— Che io vi amo come un pazzo!... come un uomo che non è più conscio di quello che fa, perchè voi gli avete tolto la mente e la ragione, Narcisa!...

Così dicendo Pietro divorava coi baci quelle mani che si teneva fra le sue.

— Ora che la vostra confessione è fatta, — diss’ella, non rispondendo direttamente, — veniamo alla mia.

Pietro si accosciò sul tappeto ai piedi della contessa, tenendo sempre le sue mani.

— Vi scrissi di aver conosciuto a Catania un giovanetto generoso sino al sacrifizio, nobile sino all’eroismo... Perdonatemi, non m’interrompete. Allora non sapevo chi