Pagina:Verga - Una peccatrice.djvu/22

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 24 —

che dovevo vedere mezz’ora più tardi... Dopo amai una maritata; credei che una signora che rischia di romperla colla società, e colla sua felicità istessa, dovesse molto sentire quest’affetto, al quale sacrifica il suo decoro, la pace domestica, e, presso di noi, fors’anche la vita... Quindici giorni dopo, a caso, in una festa da ballo, seppi, da uno di quegli amici che s’incontrano dappertutto, che da tre giorni egli era in relazione con quella signora... e le espressioni appassionate di lei, ch’egli mi citò, erano le stesse di quelle che aveva impiegato per farmi credere al suo amore... In seguito amai una fanciulla... pura siccome un angiolo, come direbbe il signor Darmont nella Traviata; ella aveva tutto ciò che può far credere alla purità del cuore: distinzione d’educazione, coltura d’ingegno, bontà di sentimenti... Io l’amai come un pazzo, quella fanciulla dal viso pallido e dagli occhi cerulei... Scesi persino alle puerilità del collegiale,... passare sotto i suoi veroni, seguitarla al passeggio e in chiesa... Quella giovanetta rispose finalmente alle mie lettere, mi