Pagina:Versi del conte Giacomo Leopardi.djvu/75

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

( 75 )



VI


Paludano ammazzò Scavaformaggio:
    Ma vedendo venir Foraprosciutti,
    Giacincanne perdessi di coraggio;
    Lasciò lo scudo e si lanciò ne i flutti.
    Intanto Godilacqua un colpo assesta
    Al buon Mangiaprosciutti ne la testa.



VII


Lo coglie con un sasso; e per lo naso
    A lui stilla il cervello, e l’erba intride.
    Leccapiatti al veder l’orrendo caso,
    Giacinelfango d’una botta uccide;
    Ma Rodiporro, che di ciò s’avvede,
    Tira Fiutacucine per un piede.



VIII


Da l’erta lo precipita nel lago;
     Seco si getta, e gli si stringe al collo;
     Finchè nol vede morto, non è pago.
     Se non che Rubamiche vendicollo:
     Corse a Fanghin, d’una lanciata il prese
     A mezzo la ventresca e lo distese.