Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/190

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
176 a teresa barbera-fogazzaro.


     Discendi, Ina, al giardin: spicca la fronda
Che fresco serba d’ogni tempo il santo
     Color della speranza, e ne circonda
40Il mio bicchier: liete venture io canto.

     O dolci capi, a cui men parve amaro
L’esiglio, che mirar volto nemico,
     Ma con memore affanno ognora al caro
44Aere anelanti del soggiorno antico,

     Torneran l’erbe nove; e voi vedrete
Dietro la santa italica bandiera
     Del bello eremo vostro alla quïete
48Accorrere d’amici allegra schiera.

     Noi verremo a levarvi. O generose
Anime schive, nell’angusta chiostra
     Di questi monti troppo a lungo ascose,
52Venite a riveder Vicenza vostra.

     Spezzato il giogo boreal, respira
Aure felici: da rimote bande
     Gli armati figli riedere rimira
56Fieri di cicatrici e di ghirlande.

     O la più cara e misera di quante
Illumina città l’italo sole,
     Racconsolata madre al seno amante
60Alfin raccolga la dispersa prole.