Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/225

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la donna forte. 211

     Alla nave ella somiglia
D’avveduto mercator,
Che da lungi alla famiglia
20Torna ricca di tesor.

     Sorse al lume delle stelle,
Diede cibo a’ suoi garzon,
E chiamò le fide ancelle
24Ad allegra imbandigion.

     Con sottile accorgimento
Guardò un campo e l’acquistò:
Poi coi frutti del suo stento
28Una vigna vi piantò.

     I magnanimi suoi fianchi
Ha precinti di valor;
Non è giorno in cui si stanchi
32Il suo braccio nel lavor.

     I suoi traffichi condotti
Vide ognor con equità,
E gioinne. Nelle notti
36La sua lampa non morrà.

     Il cammino a lei dischiuso
Fu de’ forti non invan:
Fra l'ancelle all’ago, al fuso
40Ella inchina la sua man.