Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/232

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
218 la preghiera di giuditta.


     M’ispira il labbro: all’anima
90Senno e possanza infondi;
Che ’l limitar non calchino
Di tua magion gl’immondi.
Sorgano ancor gli altari,
E pia la terra impari
95Che onnipossente ed unico
Tu d’Israel sei Re.