Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/243

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la divina provvidenza. 229

              Se mentre gela il vento
         E stridon le tempeste,
         Il tuo carbone è spento,
         18Sdruscita la tua veste,

              Non dire: «il poverello
         Chi coprirà di un saio?
         Al gramo villanello
         22Chi colmerà lo staio?»

              Di Dio non sei tu l’opra?
         E non aver paventi
         Un cencio che ti copra,
         26Un pan che ti alimenti?

              Mira gli augelli! A loro
         Il genitor celeste
         Altro non diè tesoro
         30Che il canto e le foreste.

              Non serbano di biade
         Colmi granai; ma quando
         Lo inverno l’aria invade,
         34Il giorno ottenebrando,

              Con flebil pigolìo,
         Sparsi di neve il dorso,
         Levano gli occhi a Dio
         38In cerca di soccorso.