Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/278

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
264 congedo.


     Viva pur ella avventurosa e rida
Co’ trecento suoi drudi, che congiunti
Tiene ad un laccio e tutti manda emunti
                                   20A tutti infida;

     Nè più riguardi all’amor mio, caduto
Per colpa sua, come sull’orlo cade
D’un prato il fior che oltrepassando rade
                                   24Vomere acuto.