Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/281

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

promessa. 267


     Oh, come m’arde l’anima
Del latte del mio petto
Nudrir vezzoso bambolo
44Pegno del mutuo affetto!

     Oh, come anelo accoglierlo
Vispo su’ miei ginocchi,
E la paterna immagine
48Mirar ne’ suoi begli occhi!»

     Qui tacque Fille; e al tacito
Garzon che tutto ardea,
I rai chinando, il bacio
52Dolcissimo rendea.

     Così nel casto vincolo
Felici amanti e sposi
Fille ed Elpin consumano
56I giorni avventurosi.

     Elpin della sua Fillide
Sol è beato, e Fille
Ha messo ogni suo gaudio
60D’Elpin nelle pupille.