Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/289

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il sogno. 275


     Che se premio si deve a un fido amore,
Gli Dei cangino in riso il mio sgomento,
141E l’orribile sogno ingannatore

     Pel remoto oceàn dissipi il vento.