Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/381

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search




LIBRI E FIORI.

___


della Stessa.

__


 
     Vieni! Di luce e d’armonia compórti
Un regno io vo’: qui son volumi e fiori;
     Vieni! all’angusta tua prigion vo’ tôrti
4Tôrti a’ febbrili della vita ardori.

     De’ canti il fiore è chiuso in queste carte,
Come nel fiore la fragranza è chiusa;
     A’ coronati principi dell’arte
8In dì remoto li dettò la musa.

     Contro i fati e l’età pugna il pensiero,
Che dal lezzo mondano si sublima
     Vincitor della morte, e per sentiero
12Arduo si volge a luminosa cima.

    Dell’uom l’amor: la brama irrequïeta
Che romper tenta all’infinito il velo,
     Qui dentro accolse il trepido poeta
16Che aperto vide ne’ suoi sogni il cielo.