Pagina:Versi di Giacomo Zanella.djvu/86

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
72 due vite.


    Poichè tanta ne’ suoi vita gli resta,
(Sia l’ultimo anno, o più fïate il crine
42Vegga ancor rinnovarsi alla foresta)

    Di sè contento, appiè delle colline
Su cui già biondo conducea la gregge,
45Placido attende de’ suoi giorni il fine.

    O natura, natura! Alla tua legge
Ben saggio è chi si arrende; e d’uno schermo
48Amoroso i caduchi anni protegge!

    A pio figlio appoggiando il fianco infermo
Or visita le mèssi alla campagna;
51Or la chiesuola villereccia e l’ermo

    Recinto, dove la morta compagna
Di sotto l’erba con sommessa voce
54A sè lo chiama e del tardar si lagna.

    Cede al pondo degli anni; e non gli nuoce
Se sculta in oro lapide fastosa
57Non ricopre il suo fral: sotto una croce,

    Che la Fede infiorò, meglio riposa.