Pagina:Versi di Giuseppe Giusti.djvu/116

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
92 a girolamo tommasi.


Tommasi, l’umor mio tra mesto e lieto
     Sgorga in versi balzani e semiseri;
     Nè so piallar la crosta ai miei pensieri,
                                                  Nè so star cheto.

Anch’io sbagliai me stesso, e nel bollore
     Degli anni feci il bravo e l'ispirato,
     E pagando al Petrarca il noviziato
                                                  Belai d’amore;

Ma una voce segreta ogni momento,
     Giù dai fondacci della coscîenza,
     Mi brontolava in tutta confidenza:
                                                  «Muta strumento.

» Perché temi mostrar la tua figura,
     » Se nella giubba altrui non l’hai contratta?
     » Dell’ombra propria, come bestia matta,
                                                  » Ti fai paura.

» I tuoi concetti, per tradur te stesso,
     » Rendi svisati nel prisma dell’arte,
     » E di secondo lume in sulle carte
                                                  » Torbo reflesso.

» L’indole tua così falsificando,
     » Se fai d’alchimia intonaco alla pelle,
     » Del tempo passerai dalle gabelle
                                                  » Di contrabbando?

» Scimmia, se gabberai le genti grosse,
     » Temi l’orecchio spalancato al vero
     » Che ne’ tuoi sforzi dell’inno guerriero
                                                  » Sente la tosse.

» Chi nacque al passo, e chi nacque alla fuga:
     » Invano invano a volgere il molino
     » Sforzi la zebra, o a farti il procaccino
                                                  » La tartaruga.