Pagina:Versi di Giuseppe Giusti.djvu/118

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
94 a girolamo tommasi.


Beato me, se mai potrò la mente
     Posar quïeta in più sereni obietti,
     E sparger fiori e ricambiare affetti
                                                  Soavemente.

Cessi il mercato reo, cessi la frode,
     Sola cagion di spregio e di rampogna;
     E il cor rifiuta di comun vergogna
                                                  Misera lode.

Ma fino a tanto che ci sta sul collo,
     Sorga all’infamia dalla nostra voce,
     Di scherno armata e libero e feroce,
                                                  Protesta e bollo.

Come se corri per le gallerie
     Vedi in confuso un barbaglio di quadri,
     Così falsi profeti e balì ladri,
                                                  Martiri spie,

Mercanti e birri in barba liberale,
     Mi frullan per la testa a schiera a schiera:
     Tommasi, mi ci par l’ultima sera
                                                  Di Carnevale.

Ecco i miei personaggi, ecco le scene,
     E degli scherzi la sorgente prima:
     Se poi m’è dato d’infilar la rima
                                                  O male, o bene,

Scrivo per me, scemandomi la noia
     Di questa vita grulla e inconcludente,
     Torpido per natura, e impazïente
                                                  D’ogni pastoia.

Chi mira al fumo, o a quello che si conia,
     Dalle gazzette insegnamenti attinga,
     E là si stroppi il cranio, o nella stringa
                                                  Del De Colonia.