Pagina:Versi di Giuseppe Giusti.djvu/119

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

a girolamo tommasi. 95


Centoni, Fantasie scriva a giornata;
     Venda la bile, il Credo e la parola,
     Mentre gli pianta il cómpito alla gola
                                                  Libraio Pirata,

Che avaro e buono a nulla, esige mondi
     Da te che mostri un’oncia di valore;
     E co’ romanzi galvanizza il core
                                                  De’ vagabondi.

Io no: non porterò di Tizio o Caio
     Oltramontane o arcadiche livree,
     Nè per lisciarle affogherò l’idee
                                                  Nel calamaio.

Non sarò visto volontario eunuco
     Recidermi il cervel, perch’io disperi
     La firma d’un Real Castrapensieri
                                                  Birbone e ciuco.

Se posso, al foglio non darò rimate
     Frasi di spugna, o copie o ipocrisie;
     Nè per censura pubblica le mie
                                                  Stizze private.

Ma scrivendo là là quando mi pare
     Sulle farse vedute a tempo mio,
     Qualcosa annasperò, se piace a Dio,
                                                  Nel mio volgare.

Laudato sempre sia chi nella bara
     Dal mondo se ne va col suo vestito:
     Muoia pur bestia; se non ha mentito,
                                                  Che bestia rara!