Pagina:Viaggio Da Milano Ai Tre Laghi.djvu/36

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
22 Da Gallarate alle Isole per Sesto.

Era quest’isola in erigine un nudo scoglio di roccia argillosa scistosa primitiva, tagliata da’filoni di trappo contenente ferro, con rognoni e qualche rilegatura di quarzo a strati inclinati al S. O. Tali pur sono l’Isola Superiore, l’Isola Madre e l'Isolino. Venne in capo al conte Vitaliano Borromeo di crearvi una delizia verso l’anno 1670; e tanto fece distruggere di sasso, e tanto edificare di pilastri, archi e pareti, e tanta terra vi fece dal vicin continente apportare, che dielle la figura, la bellezza e la fertilità che vi si scorge. A render compiuta la magnificenza veramente regia de’ giardini e del palazzo manca solo che perfetto sia ed ornato il tondo salone che ’l chiude all’occidente, e che darà la necessaria comunicazione a tutti gli appartamenti; e quindi aggiunganvisi gli altri abbellimenti che l’isola prolunghino sin allo scoglio detto la Malghera, che vedesi sorgere fuor d’acqua, quando basso è il lago. In questa parte dev’essere lo sbarco, o sia l’ingresso all’isola. Veggasene in una sala il modello in legno, disegno del ch. architetto Morelli. Ma verrà egli mai più un tempo in cui eseguir si possa!

Rousseau, come rileviamo dalle sue Confessioni, nello scrivere la Nouvelle Héloise, pensò a fissare in quest’isola il domicilio