Pagina:Viaggio attorno alla mia camera Manini 1824.djvu/158

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Viaggio. 161

una dissertazione sulla medicina, e i suoi progressi da Ippocrate in poi. — Chiedeva a me medesimo, se i personaggi famosi dell’antichità morti nel loro letto, come Pericle, Platone, la celebre Aspasia e Ippocrate stesso fossero morti, come la gente ordinaria, d'una febbre putrida, infiammatoria o verminosa, dissanguati prima co’ salassi, e affogati colle ricette?,

Perchè io pensassi a questi quattro personaggi, piuttosto che ad altri, mi saria impossibile il dirlo. — Chi può render ragione d'un sogno? — Io so questo solo, che la mia anima fu quella che evocò il dottore di Coo, quel di Torino, e il celebre uomo di stato, il qual fece sì belle cose e sì gran falli.

Confesso però umilmente che l’altra gliene diè un cenno. — E la bilancia