Pagina:Viaggio attorno alla mia camera Manini 1824.djvu/159

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
162 Viaggio.

nondimeno, quando vi penso, fu di quattro contr’uno della parte di madama la ragionevole; di che sento quasi un poco di orgogliuzzo. — Ma anche l'altra, come bestia, fece molto.

Checchè ne sia, sul più bello delle mie riflessioni, i miei occhi si chiusero del tutto, ed io m’addormentai profondamente. Ma le imagini de' personaggi, a cui avea pensato, rimasero dipinte su quella tela finissima, che si appella memoria, e mescolandovisi nel mio cervello l’idea dell’evocazione dé’ morti, vidi ben tosto giugnere in fila Ippocrate, Platone, Pericle, Aspasia, e il dottor Cigna colla sua parrucca. — Tutti si assisero sovra gli scanni tuttavia disposti intorno al fuoco, eccetto Pericle solo, che rimase in piedi, per leggere le gazzette.

Se le scoperte, di cui mi parlate,