Pagina:Viaggio attorno alla mia camera Manini 1824.djvu/171

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
174 Viaggio.

felice, se qualche dea capricciosa non mi fa obliare l’uno e l’altro, e non mi assoggetta a nuova e perigliosa cattività!

Perchè perchè non lasciarmi finire il mio viaggio! Era io adunque per punizione relegato nella mia camera — deliziosa contrada, che racchiude tutti i beni, tutte le dovizie del mondo? Tanto varrebbe esiliar il topo nel granajo.

Mai intanto io non mi sono accorto più chiaramente d’esser doppio. — Mentre sospiro i miei imaginarj diletti, mi sento consolato quasi per forza. Un potere segreto mi strascina; — mi dice che ho bisogno dell’aperto cielo, e che la solitudine è simile alla morte. — Eccomi in ordine; il mio uscio è aperto; — passeggio sotto gli spaziosi portici della strada del Po; — mille