Pagina:Vicende delle strade ferrate nel Regno Lombardo-Veneto.djvu/23

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

- 675 -

cominciarono per istabilire la massima si dovesse passare per Monza, e poi scelsero que’ rappresentanti plenipotenziari, accordando loro pienissime facoltà di sentenziare in modo irrevocabile, talchè se avessero fatto peggio di quello che fecero, per quanto agli azionisti, n’erano padroni, il che vi darà norma del buon senno di quel congresso. E notate che; per mischiarvi anche il ridicolo, si disse che procedevasi in cotal modo per far più presto, e mentre erasi indugiato per dieci anni, non si trovavano dieci giorni per riunirsi un altra volta, sentire ed approvare la convenzione. I delegati mandatari fecero allora quel contratto che conoscete così all’ingrosso. I 720 mila passaggeri all’anno assicurati e paganti 35 centesimi a testa danno per reddito netto 238,000 lire all’anno, oltre il di più se mai quella ciffra di passeggieri venisse superata. La somma suddetta rappresenta un capitale di 4,760,000 lire, calcolato il reddito al 5 per %. Per giudicare di quanto soverchi tal ciffra in favore del signor Eskeles è d’uopo sapere cosa costarono i 13 kil. della strada di Monza da lui ceduta, e qui sta l’errore del pubblico e di chi parla in nome di quello. Si disse