Pagina:Vita di Dante, Petrarca e Boccaccio.djvu/101

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


(xis) Avvi di alcuni, che opinano, esser questi Tersi dello stesso Dante. Se in vero egli stato ne fosse Cantore, che si ebbe forza di comporli a se medesimo , come dirasi, perchè altri pria - dei suoi furono apposti alla tomba ? E però io non son così presta a crederlo, come il Poccianti , il Giovio, il Moreri, il Bayle, ed altri, che lo rammentano: il che poi non si vede confermato nè dal Boccaccio, nè dall’Aretino, nè dal Nostro, il quale precisamente dicendo, essere coiai Tersi di’mi uomo dottissimo, par che Toglia in certo modo escluderne lo stesso Dante.

ritfK BELLI VOTI

1 2