Pagina:Vita di Dante, Petrarca e Boccaccio.djvu/111

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


^ 99

mossa per Tolosa. Poscia tornato dopo quattro anni, incarnili ossi per Parigi. Dopo il quarto anno in Napoli si tramutò opporinntimente in quel tem- po , in cui per avventura 1’ inclito Roberto Ré della Sicilia era venuto. Qnindi partitosi simil- mente al quarto anno , in questa guisa il corso degli sludi per quadrienni divideva , ritornossene nello slesso luogo. Mosso poi per la Gallia Cisal- pina, prima in Verona , dipoi in Parma , ed in Ferrara, finalmente in Padova alquanto dimorò, ed in Milano ; poi vennie al Ticino. Porlossi a rivedere Pisa, ed Arezzo prediletto luogo dell’ esi- lio , e dell’ origine sua. In fine poco tempo si trattenne in Venezia , siccome egli tntle queste cose in una lettera , percorsa già la carriera de* suoi studi , più chiaramente appalesa a Guidone Arcivescovo di Genova. In co tali sLudì adunque delle divine , ed umane cose versalo in moki , e diversi luoghi, come abbiam detto, siffattamente profittonne, che ira gli altri più utili frutti delle sue fatiche , egli il primo , attesa una certa quasi divina eccellenza d* ingegno, trasse dalle tenebre a luce eleganza del dire , da più di mille anni già quasi spenta , dapprima per disumana crudeltà de’ romani Imperatori, che Roma aveau di troppo afflitto con ogni fatta di sevizie , e con nefande spesse, uccisioni di uomiui probi, e sapientissimi :