Pagina:Vita di Dante.djvu/50

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


dice a Dante:

Se tu segui tua stella,
non puoi fallire a glorioso porto,
se ben m’accorsi nella vita bella:

E s’io non fossi sì per tempo morto,
veggendo l’Cielo a te così benigno,
dato t’avrei all’opera conforto.

INF. XV. 55-60

Dante stesso, non iscevro di tali credenze, attribuisce a quegli atri benigni il proprio ingegno; e giunto in Paradiso a quella costellazione de’ Gemini, esclama:

O glorïose stelle, o lume pregno,
di gran virtù, dal quale io riconosco
tutto, qual che si sia, il mio ingegno!.

Con voi nasceva, e s’ascondeva vosco,
quegli ch’è padre d’ogni mortal vita,
quand’io sentì da’ prima l’aer Tosco.

PAR. XXII. 112-117.

Del resto, non è se non giustizia aggiugner quì, che Dante con tutti i buoni di quei tempi trovava modo d’accordare questa influenza delle stelle col libero arbitrio dell’animo umano; come si puòvedere nel Purgatorio, al canto XVI v.