Pagina:Vita di Dante.djvu/62

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
52 canto secondo

E ne venne, fra gli altri e sopra gli altri, il nostro Dante. Il quale "nella puerizia sua nudrito liberalmente, e dato a’ precettori delle lettere, subito apparve in lui ingegno grandissimo, e attissimo a cose eccellenti. Aldighieri perde nella sua puerizia : niente di manco, confortato da’ propinqui e da Brunetto Latini, valentissimo uomo secondo quel tempo, non solamente a litteratura, ma agli altri studi liberali si diede, niente lasciando indietro che appartenga a far l’uomo eccellente"1. Di Alighieri il padre siamo per vedere che viveva ancora alla fine dell’anno ottavo di Dante. Di Donna Bella madre di lui non si vede fin quando sorvivesse. Di Brunetto Latini non solo confortatore, ma anche maestro di Dante, certo è che fu Guelfo costante. E così, con padre e famiglia e primo maestro, tutti Guelfi ripatriati, in città Guelfa ab antico, ora esclusivamente Guelfìssima, negli anni de’ grandi eventi e del massimo splendore di parte Guelfa, crebbe Dante con impressioni certo tutte Guelfe,

  1. Leon. Aret.; Ed. Min. V, p.50