Pagina:Vita di Jacopo Durandi.djvu/5

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

(4)

istoriche sull’antico stato dell’Italia, e del Piemonte, pubblicate in età matura, lo misero nel novero de’ più pregiabili letterati. Sia a noi concesso di tessere l’elogio di sì grand’uomo colla scorta delle notizie, che a forza d’importune interrogazioni, abbiamo di quando in quando dal suo modestissimo parlare (involontariamente si può dire) ottenute, e colla scorta pure dei documenti, che ci furono somministrati, onde rendere di pubblica ragione l’esemplare, e luminosa vita di tanto personaggio; lo che servirà di conforto ai buoni, li quali questo modello di virtù curano d’imitare, e di pungolo vivace alla gioventù Vercellese, che nosco piange la perdita del saggio concittadino.

La famiglia Durandi ella è originaria di Candelo, ed aveva già alcuni punti di giurisdizione feudale sopra il Villaggio di Oldenico nella provincia Vercellese, siccome risulta da investitura delli 18 aprile 1561,